QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI "COOKIE": VUOI SAPERNE DI PIU'?   

BCC Romagnolo dona due defibrillatori alla Cooperativa Bagnini di Cesenatico


BCC Romagnolo dona due defibrillatori alla Cooperativa Bagnini di Cesenatico
I due defibrillatori andranno posizionati nelle spiagge libere più importanti della città: Piazza Andrea Costa e Zona Cesarini

La nostra Banca al fianco dei baywatch romagnoli: donati due defibrillatori alla Cooperativa Bagnini di Cesenatico. È avvenuta venerdì scorso 22 luglio la consegna ufficiale di due defibrillatori da parte di BCC Romagnolo, in occasione della serata al LallaPalooza sulla Vena Mazzarini, divenuto ormai luogo simbolo dell'estate cesenaticense. Il Presidente di BCC Romagnolo, Roberto Romagnoli, ha consegnato i due strumenti di primo intervento al presidente della Cooperativa Bagnini Cesenatico, Simone Battistoni, in presenza dell'Assessore al Turismo del Comune di Cesenatico Gaia Morara. I due defibrillatori saranno strategicamente installati presso la Spiaggia Libera Piazza Costa e la Spiaggia Libera Zona Cesarini.

L'installazione di uno strumento salvavita DAE-G5 presso luoghi pubblici di aggregazione è divenuta obbligatoria con il decreto-legge n. 158 del 2012, noto anche come decreto Balduzzi. Il defibrillatore semiautomatico deve essere installato in una posizione ben visibile ma protetta, e devono essere individuate e formate persone specializzate al suo utilizzo, che si preoccupino anche del suo regolare funzionamento.

Il corpo degli operatori di salvamento in mare di Cesenatico è composto da persone altamente qualificate, tutte con brevetto riconosciuto a livello nazionale e internazionale e abilitato all'utilizzo dei DAE. Tra le priorità della Cooperativa Bagnini c'è proprio la salute e sicurezza di tutti coloro che frequentano le nostre spiagge, per una serena villeggiatura e tutela della persona.

50 bagnini di salvataggio, 28 defibrillatori, 34 torrette, 126 stabilimenti, un rigido protocollo per 7 km di spiaggia, accoglienza, attrezzata e in sicurezza: sono questi i numeri che fanno della Cooperativa Stabilimenti Balneari di Cesenatico un modello da imitare. La Cooperativa nasce nel 1978 per volontà di un gruppo di bagnini che si associano per garantire assistenza e tutela sindacale alla categoria e per offrire un miglior servizio a misura di turista. Ad oggi conta 130 stabilimenti balneari associati, distribuiti dalle spiagge di Zadina a Villamarina e offre una gamma di servizi che permettono al turismo cesenaticense di essere un modello per tutta Italia.

“Sono oltre 25 anni che la banca sostiene le attività della Cooperativa Bagnini di Cesenatico – interviene il presidente di BCC Romagnolo Roberto Romagnoli – Con la donazione di questo strumento di soccorso BCC Romagnolo intende contribuire alla tutela della salute di cittadini e turisti in particolare in questo caso pensando a coloro che potrebbero subire un improvviso arresto cardiaco. Per noi la spiaggia della nostra riviera è una risorsa turistica ed economica fondamentale che va valorizzata attraverso la giusta sicurezza in mare e non solo”.


Indietro   Stampa