QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI "COOKIE": VUOI SAPERNE DI PIU'?   

Asscor chiude bene il 2021 con un aumento di fatturato


Asscor chiude bene il 2021 con un aumento di fatturato
Chiude in positivo il bilancio 2021 di Asscor, la cooperativa sociale di Ravenna che si occupa di fornire e gestire servizi socio-sanitari su tutta la provincia

“Abbiamo presentato alle nostre socie e ai nostri soci un bilancio 2021 in crescita, con un valore della produzione di oltre 24,5 milioni di euro, in aumento di oltre 2 milioni rispetto al 2020 - racconta il direttore di Asscor, Fausto Maresi -. Un dato dovuto alla fusione per incorporazione della cooperativa Il Germoglio, che ci ha portato a essere gestori della Casa della Carità di Lugo, e alla buona organizzazione di tutti i nostri servizi”.

Asscor gestisce direttamente, insieme al Consorzio Solco Ravenna, 10 case residenza per persone anziane, 8 centri diurni per persone anziane, 7 centri socio-riabilitativi per persone disabili, un servizio di assistenza domiciliare e diverse altre tipologie di servizi alla persona. La cooperativa opera in tutta la provincia di Ravenna e ha all'attivo 608 lavoratrici e lavoratori (540 donne e 68 uomini) di cui 433 socie e soci della cooperativa.

“Il 2021 è stato un anno importante perché, come detto, abbiamo ampliato la nostra cooperativa con un'importante fusione - continua Maresi -. In più, abbiamo avviato importanti progetti che hanno visto la luce nel corso del 2022: il reclutamento di infermieri dall'estero, per sopperire alla carenza di queste figure professionali all'interno delle nostre strutture, e l'avvio di una nuova squadra che sta iniziando a lavorare proprio in questi giorni presso il complesso residenziale Rosa dei Venti a Ravenna”.

La carenza del personale infermieristico e sanitario sta caratterizzando anche tutto l'anno in corso e Asscor sta cercando diverse soluzioni a riguardo: “Oltre al reclutamento dall'estero abbiamo promosso e promuoveremo ancora, nella seconda parte dell'anno, dei corsi di formazione per disoccupati per la qualifica come Operatore socio sanitario, in collaborazione con alcune agenzie per il lavoro. Trovare e formare personale qualificato è la sfida su cui siamo più concentrati attualmente, perché vogliamo mantenere alta la qualità dei nostri servizi e aumentare le prestazioni di welfare che possiamo offrire sul territorio”.


Indietro   Stampa